mercoledì 28 ottobre 2015

Cipolle

Michel Houellebecq dice in un’intervista
che la poesia non tollera l’ironia
che anche lui non la sopporta
e che insieme allo humour
banalizzerebbero la tragedia
dell’esistenza.
Bisogna scrivere versi gravi e grevi
cose che non siano troppo brevi
ripetere a tutti quello che tutti
sanno già benissimo.
Ricordargli che siamo nati per soffrire.
A me, che non sono un poeta serio,
verrebbe da dire che invece
siamo come le cipolle
(che fanno piangere i veri poeti
lacrime nelle ampolle).
Noi siamo come le cipolle.
Siamo nati per soffriggere.

2 commenti:

  1. ClixSense is a very popular work from home website.

    RispondiElimina
  2. Get daily suggestions and instructions for making THOUSANDS OF DOLLARS per day FROM HOME for FREE.
    GET FREE ACCESS TODAY

    RispondiElimina